Fine Arts Mag, Art Magazine Collettivo del Web

Chiossone. Una collezione giapponese-ligure d’avanguardia europea

Villetta_Di_Negro.edo.chiossone

Nel cuore di Genova Villetta di Negro custodisce una delle più significative collezioni d’arte giapponese di tutta Europa. La collezione giapponese ligure di Edoardo Chiossone, che da fine ’800 rende il capoluogo ligure una delle sedi privilegiate per chi voglia conoscere meglio la cultura espressa dalla Civiltà del Sol Levante. Un costante dialogo tra civiltà che si esemplifica in vite “insolite” come quella dell’artefice di questo notevole lascito.

Il patrimonio venne raccolto in Giappone durante il periodo Meiji da Edoardo Chiossone (Arenzano 1833 – Tōkyō 1898), insigne incisore genovese che lavorò presso l’Officina Carte e Valori del Ministero delle Finanze a Tōkyō.

Museo-Chiossone-3

Come riporta la sua biografia ospitata nel sito ufficiale del museo ” durante circa 24 anni di permanenza in Giappone (1875-1898) Chiossone disegnò e incise circa 500 lastre relative a francobolli e banconote, bolli di monopolio, obbligazioni e titoli di stato. A lui è unanimemente riconosciuto il merito di avere plasmato l’imagerie della finanza pubblica giapponese dell’epoca moderna. Chiossone creò inoltre la ritrattistica ufficiale in stile occidentale di significato e uso politico e diplomatico e, infine, contribuì a fondare una concezione aggiornata del patrimonio culturale giapponese e della sua rappresentazione per immagini”.

A seguito della morte le collezioni subirono vari passaggi di mano, sino a quando il Comune di Genova non ne divenne proprietario, finendo per dare le necessarie disposizione per la nascita dell’attuale museo d’arte orientale Edoardo Chiossone, ospitato presso i locali di Villetta di Negro nel cuore del capoluogo ligure.

images

Il museo ospita opere giapponesi di varie epoche: pittura (dal XI al XIX sec.), armi e armature, smalti, ceramiche, lacche, porcellane, stampe policrome, strumenti musicali, maschere teatrali, costumi e tessuti, bronzistica, e una ricca collezione di grandi sculture del Giappone, della Cina e del Siam. Vi si tengono conferenze, presentazioni di monografie e visite guidate per soddisfare le aspettative di ogni categoria di visitatori, che raramente possono trovare in Italia un museo così completo sul Sol Levante, frutto delle scelte di un collezionista che aveva vissuto all’estero quando il Giappone era ancora largamente precluso all’Occidente.

Il magnifico edificio che attualmente ospita il Museo è stato progettato dietro incarico della Civica Amministrazione di Genova dall’architetto Mario Labò, con richiami strutturali e stilistici all’architettura giapponese. Inaugurato e aperto al pubblico il 7 Maggio 1971, presenta oggi una collezione permanente completamente rinnovata, che offre una campionatura delle raccolte, presentate per classi tematiche e tecnico-artistiche.

Tra i tesori non esposti al pubblico per esigenze di conservazione ma che è possibile studiare su appositi cataloghi si annoverano dipinti e xilografie policrome Ukiyoe (curatori Luigi Bernabò Brea ed Eiko Kondō).

Per ogni informazione:

Museo Edoardo Chiossone
Tel. 010 542285
Fax 010 580526
e-mail : museochiossone@comune.genova.it

Francesca Christine
Di: Francesca Christine

Storica dell’Arte asiatica e Storica della Danza. Questa è la mia specializzazione di laurea che mi ha portato ad aprire la rubrica ON ASIAN ART su Fine Arts Mag. L’arte in tutte le sue molteplici forme è l’oggetto di tanti miei articoli da freelancer in rete sin dal 2009, in inglese soprattutto. Ero alla ricerca di un canale in Italia in cui creare un ponte multimediale tra arte occidentale e arte asiatica. Spero con questa rubrica di averlo trovato, raccontandovi il meglio sul tema tra musei ed eventi e speriamo interviste in giro per il Mondo.