Fine Arts Mag, Art Magazine Collettivo del Web

Frederika, la nonna ‘musa’ per il nipote

Nell’articolo precedente è stato visto come Sacha Goldberger riesce ad inserire creatività e ironia nelle sue fotografie con soggetti i supereroi ambientati nell’epoca rinascimentale, facendoci divertire e riflettere al tempo stesso… Si è servito di numerosissimi aiutanti (fra cui vari modelli e modelle) per realizzare il suo progetto “Super Flemish”, ma per questo ‘servizio fotografico’ ha chiesto aiuto ad una modella molto particolare…

Già, perché grandi pittori e artisti di tute le epoche hanno tratto ispirazione da muse e belle donne, ma Sacha ha chiesto proprio a lei di fargli da musa: a sua nonna.

Ebbene sì, è proprio lei, una simpatica signora di 91 anni, a posare per il nipote, in vesti originali e insolite!

Il costume prediletto è sempre quello del supereroe, ma le pose, le azioni e le situazioni selezionate dal fotografo sono assai bizzarre…

L’idea nacque quando Goldberger vide sua nonna Frederika sola e depressa; così, per tirarla su di morale, le ha suggerito di realizzare una serie di fotografie fuori dal normale, in tutto e per tutto. La nonna, un pò riluttante ma curiosa, accettò quella proposta così insolita, e una volta intrapreso il percorso ed effettuati i primi scatti, l’arzilla signora non volle più smettere, cominciando addirittura a trovare il tutto davvero divertente!

Frederika (di origine ungherese) diventa così la supereroina ufficiale dell’operazione Mamika -così intitolata da Goldberger-, eroina non solo per le vesti acquisite nel set fotografico ma anche nella vita vera, dato che nella Seconda Guerra Mondiale salvò la vita a decine di Ebrei: forse è proprio così che la vede il nipote, ed è così che voleva raffigurarla e renderlo presente a tutti.

Frederika dimostra così non solo una gran forza interiore, ma anche uno spiccato senso dell’umorismo. Nelle foto la vediamo infatti -direi anche a proprio agio- in posa davanti la bandiera americana, mentre mangia un hot dog o mentre fa attività fisica sul tapis roulant, mentre vola, legge un libro o svolge le faccende domestiche, spesso in compagnia del suo amato cagnolino.

L’intero progetto fotografico ha fatto poi parte di una mostra alla Galleria Wanted Paris, regalando ulteriore successo a Sacha Goldberger ma anche alla sua adorata nonnina, la quale non ha più mostrato segni di depressione; anzi, sul suo profilo MySpace riceve spesso messaggi di congratulazioni, come questo: “Sei la nonna che ho sempre sognato!”.

Ecco come la sua storia abbia trasmesso un messaggio di gioia e di speranza per tutte le persone depresse e in difficoltà, e di come questo esempio ci faccia capire come l’arte può essere utilizzata per scopi benefici e divertenti.

Deborah Barbazza
Di: Deborah Barbazza

Nata a Mestre nel settembre 1993, mi sono appassionata da subito al mondo del Disegno e dell’Illustrazione, interessi che ho approfondito frequentando dapprima il Liceo Artistico e, attualmente, l’Accademia di Arti Figurative e Digitali Padova Comics, con specializzazione in Illustrazione. Nonostante il diploma in Grafica Pubblicitaria, adoro il Disegno a Mano Libera e sto sviluppando un forte legame verso delle tecniche che ho conosciuto e sperimentato da poco: l’Acrilico e l’Acquerello. Ho scelto di entrare a far parte di FineArtsMag perché credo in questo progetto e penso che possa essere uno spazio importante per aiutare ad accrescere l'interesse verso lo splendido mondo dell'Arte, conosciuto sì, ma non ancora abbastanza!