Fine Arts Mag, Art Magazine Collettivo del Web

MOVI_MENTI: E Pur Si Muove – Danza e Animazione

MOVI_MENTI

In Copertina: Mel Brimfield, This is Performance Art, 2011, C-Print, edition 1. Image Courtesy The Artist and Ceri Hand Gallery.

E pur si muove!” celebre frase attribuita a Galilei davanti all’Inquisizione. Si perché ora come non mai in questa epoca le forme artistiche prendono vita…e si intende nel senso letterale del termine.

Video Arte, Performance, Video Mapping, tecnologie mosse da menti artistiche che cancellano con una botta di spugna il “difetto” che per secoli hanno cercato di superare tutti gli artisti del passato creando l’Opera d’Arte: Il difetto, se così si può chiamare, della Staticità.

Perché non parli!” urlò Michelangelo Buonarroti alla sua creazione, Il Mosè, colpito dalla sua stessa capacità di generare realismo dal marmo. Il sogno di vedere quella sua opera animata di vita propria.

Giacomo Balla nei suoi quadri voleva rendere l’immagine in movimento o addirittura rappresentare il movimento puro.

A New York, nel 1968 prende vita la Electronic Art in cui, per la prima volta, i televisori vengono considerati ufficialmente come mezzo espressivo artistico e quindi le loro immagini e il movimento stesso del tubo catodico.

Negli Anni Settanta, invece, il passaggio inverso. Non si utilizza più la tecnologia per estirpare la staticità dalle opere d’arte ma si usa direttamente l’espressività del Corpo Umano. Nasce così la Performance e il copro, con la sua potenzialità di movimento, in attivo o in riposo, viene inserito nei musei e non solo nei teatri o nei fumosi locali tra esibizioni intellettuali e ricerche artistiche trasgressive.

Oggi, nell’Era Digitale, l’Arte Contemporanea e la così definita “Post-Contemporanea” stanno invadendo la Rete e le Nuove Tecnologie fondendo in loro differenti media.

Il filo conduttore di tutto questo percorso tortuoso arrivato fino a noi? Il Movimento, appunto.

Movi_Menti

Movi_Menti sarà un rubrica dedicata a questo mondo, un mondo di cui bisogna parlare, di cui in Italia si deve parlare! Perché c’è tanto da vedere in questo ambito che ormai all’estero è divenuto consuetudine. Siamo una generazione in continuo movimento, che non inizia e non finisce mai, ma che sempre si trasforma. Parlerò di Performance, quindi di Danza, ma anche di Digital Video Art e di tutto ciò che è geniale e in movimento. Darò spazio al Cartone Animato (animato, appunto, quindi in movimento), genere sottovalutato ma che anche in Italia ha le sue perle (vedi “L’Arte della Felicità” del partenopeo Alessandro Rak di cui parlerò nei prossimi post) e non mancherà la Parte Pratica, in cui insegnerò come utilizzare i diversi programmi usati nell’Animazione Digitale e nella Video Arte Contemporanea.

Nel prossimo articolo parlerò di Klaus Obermainer e dei suoi lavori e del Film di Animazione “L’Arte della Felicità” di Alessandro Rak. Arrivederci e Buon Movimento! 

Claudia Gambacorta
Di: Claudia Gambacorta

Sono stata una studentessa di Storia dell'Arte, sono stata una Cartoonist, sono stata una danzatrice e ora sono l'eco di tutte queste esperienze...e non finirò mai di imparare...